Domus Palatina

Domus Palatina

Mangiare un gelato a Roma

N

ELLE AFOSE ESTATI ROMANE, QUANDO IL CALDO DIVENTA INSOPPORTABILE, UNA PAUSA GELATO È D'OBBLIGO. GLI INDIRIZZI DI QUALITÀ NELLA CAPITALE NON MANCANO. ECCO UNA SELEZIONE DELLE MIGLIORI GELATERIE DI ROMA

In principio fu San Crispino, gelateria degli anni ’90 che già due decenni fa aveva iniziato a intraprendere una strada diversa, senza immaginare che, da lì a poco tempo, sarebbe diventato un terreno battuto da molti.

Quella della naturalità e degli ingredienti sani e genuini, delle materie prime pure e delle preparazioni artigianali senza utilizzo di addensanti o semi-preparati, oggi è una via percorsa da tanti professionisti del gusto. Una scelta che sembra scontata ma che prima degli anni 2000 rappresentava per le attività un rischio azzardato. Dopo i fratelli Alongi Paola Nesci (Gelateria San Crispino), sono stati tanti altri i gelatieri che hanno deciso di abbandonare le vecchie abitudini per tornare ai sapori autentici di una volta. Gustare un buon prodotto nella Città Eterna oggi, infatti, non è più un’impresa ardua; sono tante le insegne che hanno scommesso sull’alta qualità degli ingredienti unita a tecnica, preparazione e creatività.

GELATERIA DEI GRACCHI

Sono trascorsi ormai quasi vent’anni da quando Alberto Monassei ha dato corpo alla sua idea di gelateria nel quartiere Prati, in via dei Gracchi, portando avanti un lavoro di ricerca minuziosa dei prodotti migliori e tenendo un occhio di riguardo per le intolleranze. Per gli appassionati dell’arte fredda, questa insegna è una garanzia, merito di una costanza qualitativa e una tecnica che non conoscono flessioni. L’artigiano conta anche una seconda sede in viale Regina Margherita, altrettanto popolare. Specialità della casa è il croccante di frutta secca alle praline, ma qui è d’obbligo anche un assaggio del gusto al pistacchio, alla gianduia (con nocciole intere), allo zibibbo e alla crema di pinoli. Da provare anche le variazioni sul cioccolato, declinato in tutte le sue sfumature, e anche i gusti di frutta, in purezza come nel caso del melograno, oppure in accostamento ad altri golosi ingredienti, dal più classico mela e cannella al godurioso binomio pera e caramello.

AL SETTIMO GELO

Aperta quasi 20 anni fa, la gelateria è da sempre un punto di riferimento nel quartiere Della Vittoria. A colpire per equilibrio, persistenza e freschezza, i gusti alla frutta, tutti realizzati con ingredienti di stagione reperiti da vari produttori locali. A creare le specialità del locale, la gelatiera Mirella Fiumanò, che si destreggia fra le pesche tardive di Leonforte, i fichi, le feijoa sudamericana o le tante varietà di pera. Non sono da meno le creme, in particolare il mascarpone, la nocciola e il pistacchio, delicate e aromatiche, e anche i sorbetti freschi.

IL GELATO DI SAN CRISPINO

La filosofia della gelateria è la stessa dagli anni Novanta: ingredienti naturali, tecnica e passione. I gusti sono pressoché rimasti invarianti nel tempo in questo locale che ha fatto la storia dell’arte fredda capitolina: dall’imperdibile San Crispino, crema pasticcera con aggiunta di miele ai tanti sorbetti di frutta, dagli agrumi alla mela. L’offerta però cambia a seconda delle stagioni, scegliendo sempre i prodotti migliori del mese. Capitolo a parte per le meringhe che hanno fatto scuola, in particolare quella al fondente Criollo. Da veri puristi del gelato, gli artigiani di San Crispino rifiutano l’utilizzo dei coni per non alterare il sapore dei vari gusti.